Home Attualità Zona arancione: Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. Annunciata ordinanza

Zona arancione: Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. Annunciata ordinanza

CONDIVIDI
[pro_ad_display_adzone id=65073] [pro_ad_display_adzone id=102364]

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia firmerà in serata una nuova ordinanza che andrà in vigore a partire da domenica 10 gennaio. Passano in area arancione le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto.

Così il comunicato stampa del Ministero della Salute.

Report di monitoraggio

Intanto arriva il nuovo report di monitoraggio: la diretta della Conferenza stampa dell’8 gennaio 2021 con il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli, e il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute.

Brusaferro mostra le curve della ripresa del contagio in tutti i Paesi europei. Anche in Italia la curva ha imboccato la risalita, indicando quindi una controtendenza rispetto alle ultime settimane.

La Regione Veneto mantiene un’incidenza molto elevata, superiorie alla soglia di rischio. Non si è ancora in grado di passare dalla soglia di mitigazione al controllo (che mira al tracciamento individuale). In altre parole l’epidemia è diffusa in tutti gli ambiti territoriali, al punto che il tracciamento è ancora non fattibile. L’epidemia è fuori controllo per il momento.

Quanto allo stato clinico al momento della diagnosi, la grande maggioranza delle persone identificate come positive sono asintomatiche o paucisintomatiche, spiega Brusaferro. Solo una minima parte della popolazione ha condizioni di salute gravi.

L’Rt è in crescita. Oggi è a 1.03 a livello italiano. La resilienza ovvero il livello di occupazione dei posti letto (di area medica e di terapia intensiva) è la seguente: il livello soglia di occupazione dei posti letto di area medica decresce in maniera lentissima; in terapia intensiva il livello resta stabile. Complessivamente siamo leggermente sotto soglia, in entrambi i casi, ma con un margine molto risicato.

CONDIVIDI
[pro_ad_display_adzone id=78598]