Home Attualità Riapertura scuole, le date DEFINITIVE regione per regione

Riapertura scuole, le date DEFINITIVE regione per regione [TABELLA]

CONDIVIDI
[pro_ad_display_adzone id=65073] [pro_ad_display_adzone id=102364]

Ormai la situazione dovrebbe essere definitiva: le scuole superiori rientreranno in presenza l’11 gennaio, a meno di stravolgimenti dell’ultima ora, solo in pochissime regiorni. Si tratta di: Toscana, Abruzzo e Valle d’Aosta, oltre a Trento e Bolzano che sono già rientrati il 7 gennaio.

Le ultime regioni a deliberare lo slittamento della riapertura sono state Sardegna e Basilicata che rientretanno il 1° febbraio, Liguria che ha posticipato di una settimana (18 gennaio)

Le date in continuo aggiornamento

ESCLUSIVA LA TECNICA DELLA SCUOLA

REGIONERIENTRO A SCUOLA I cicloRIENTRO A SCUOLA superiori
Lombardia07/01/2125/01/21
Veneto07/01/2101/02/21
Piemonte07/01/2118/01/21
CampaniaDall’11/01/2125/01/21
Emilia Romagna07/01/2125/01/21
Lazio07/01/2118/01/21
Toscana07/01/2111/01/21
Sicilia18/01/2101/02/21
Puglia18/01/2118/01/21
Liguria07/01/2118/01/21
Friuli Venezia Giulia07/01/2101/02/21
Marche07/01/2101/02/21
Abruzzo07/01/2111/01/21
Sardegna07/01/2101/02/21
Bolzano07/01/2107/01/21
Umbria07/01/2125/01/21
Calabria11/01/2101/02/21
Trento07/01/2107/01/21
Basilicata07/01/2101/02/21
Valle d’Aosta07/01/2111/01/21
Molise18/01/2118/01/21

Le indicazioni ministeriali

Le scuole superiori vanno in presenza NON PRIMA dell’11 GENNAIO. 

Le scuole dell’infanzia e del primo ciclo, invece, possono APRIRE dal 7 GENNAIO.

Le scelte delle regioni

Abruzzo

  • Il presidente Marsilio dichiara che in Abruzzo sono pronti per la ripartenza. Infatti le scuole dell’infanzia e primaria sono ripartite il 7 gennaio, le superiori lo faranno l’11 gennaio. Ultima dichiarazione del 9 gennaio: 120 pullman in più e 417 corse aggiuntive. A meno di stravolgimenti dell’ultim’ora da parte del Governo nazionale, l’Abruzzo è pronto a ripartire con la didattica in presenza al 50% e riempimento autobus al 50%.

Basilicata

  • Il presidente della Giunta regionale della Basilicata, Vito Bardi, firmerà un’ordinanza che prevede la chiusura delle scuole secondarie di secondo grado fino al 31 gennaio. Pertanto, gli studenti interessati continueranno a svolgere le attività didattiche a distanza.

Calabria

  • Arrivata l’ordinanza del Presidente Spirlì, che dispone la DaD fino al 31 gennaio per le scuole superiori; la DaD fino al 15 gennaio per il primo ciclo; e la riapertura regolare da subito per l’infanzia. Ma il Tar cambia le carte in tavola e stabilisce che il primo ciclo torni in presenza a partire dall’11 gennaio.

Campania

  • In Campania si ritorna gradualmente a partire dall’11 gennaio. Ecco il comunicato della regione: “L’11 gennaio potranno tornare in classe gli alunni della scuola dell’infanzia e delle prime due classi della scuola primaria. A partire dal 18 gennaio sarà valutata dal punto di vista epidemiologico generale, la possibilità del ritorno in presenza per l’intera scuola primaria, e successivamente, dal 25 gennaio, per la secondaria di primo e secondo grado.

Emilia Romagna

  • L’Emilia Romagna, che si era detta pronta a far ripartire gli studenti in presenza già dal 7 gennaio, posticipa al 25 gennaio il rientro delle scuole superiori.

Friuli Venezia Giulia

Lazio

Liguria

  • Elementari e medie in classe da giovedì 7 gennaio, le superiori da lunedì 18. Pubblicata l’ordinanza regionale.

Lombardia

  • Con nota del 7 gennaio, cui seguirà ordinanza regionale, anche la Lombardia slitta la riapertura delle scuole superiori, che resteranno in DAD almeno fino al 24 gennaio. Quindi probabile rientro il 25 gennaio.

Marche

  • La didattica a distanza proseguirà al 100% per le scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, fino al 31 gennaio. Lo ha comunicato il presidente Francesco Acquaroli. Infanzia e primo ciclo in rientro il 7 gennaio.

Molise

  • Le scuole di ogni ordine e grado restano in DaD almeno fino al 17 gennaio. Rientro il 18 gennaio, come da Ordinanza del Presidente della Regione Donato Toma.

Piemonte

Puglia

  • Arrivata l’ordinanza del Presidente Emiliano, che ha disposto per tutti i gradi di scuola la DDI fino al 15 gennaio. Ma precisa l’ordinanza: nell’ambito dell’alleanza del rapporto Scuola-famiglia, devono garantire l’attività didattica in presenza in luogo della didattica digitale integrata, per tutti gli alunni le cui famiglie la richiedano espressamente per i propri figli. Di fatto, molte scuole del primo ciclo sono rientrate in presenza.

Sardegna

  • Secondo l’ordinanza uscita nella serata dell’8 gennaio, le scuole superiori rientreranno in presenza il 1° febbraio 2021.

Sicilia

  • In Sicilia arrivano le restrizioni, assieme all’ordinanza del Presidente Musumeci. Il primo ciclo torna in aula il 18 gennaio, le superiori l’1 febbraio. Tutto regolare per la scuola dell’infanzia.

Toscana

  • Sebbene il Presidente Giani avesse confermato la scelta del 7 gennaio per il rientro a scuola di ogni ordine e grado, date le ultime disposizioni del Cdm, le superiori cominceranno in presenza l’11. Il primo ciclo e l’infanzia in classe dal 7.

Trentino Alto Adige

  • Il 7 gennaio in Alto Adige aperti negozi, bar e ristoranti e scuole. Gli studenti delle superiori ritornati a scuola al 75% in presenza. Anche gli studenti trentini a scuola in presenza al 50% sin dal 7 gennaio. 

Umbria

Valle d’Aosta

  • Sebbene la Valle d’Aosta si fosse detta pronta ad aprire le scuole superiori il 7 gennaio, queste rinvieranno all’11 il loro ingresso in classe. Per il 7 gennaio sono state confermate le aperture per infanzia e primo ciclo.

Veneto

  • Le scuole superiori continueranno con la DAD fino al 31 gennaio, come da Ordinanza del Presidente Zaia. Dunque il rientro in presenza delle superiori slitta all’1 febbraioInfanzia e primo ciclo sono rientrate regolarmente il 7 gennaio.
[pro_ad_display_adzone id=78598]